Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Roche Oncologia

Valutazione di due regimi di dosaggio per Nivolumab in combinazione con Ipilimumab in pazienti con melanoma avanzato: studio CheckMate 511


Nivolumab ( Opdivo ) 1 mg/kg più Ipilimumab ( Yervoy ) 3 mg/kg ( NIVO1+IPI3 ) è approvato per il trattamento di prima linea dei pazienti con melanoma avanzato in diversi Paesi.
È stato condotto uno studio di fase IIIb/IV ( CheckMate 511 ) per determinare se Nivolumab 3 mg/kg più Ipilimumab 1 mg/kg ( NIVO3 + IPI1 ) migliori il profilo di sicurezza della combinazione.

Pazienti ( n=360 ) di età pari o superiore a 18 anni con melanoma in stadio III o IV non-trattato in precedenza sono stati assegnati casualmente a NIVO3 + IPI1 o a NIVO1 + IPI3 una volta ogni 3 settimane per 4 dosi.

Dopo 6 settimane, tutti i pazienti hanno ricevuto NIVO 480 mg una volta ogni 4 settimane fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era un confronto dell'incidenza di eventi avversi di grado da 3 a 5 tra i gruppi. Gli endpoint secondari includevano analisi descrittive del tasso di risposta obiettiva, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale.
Lo studio non è stato progettato per dimostrare formalmente la non-inferiorità di NIVO3 + IPI1 rispetto a NIVO1 + IPI3 per gli endpoint di efficacia.

A un follow-up minimo di 12 mesi, l'incidenza di eventi avversi di grado da 3 a 5 correlata al trattamento è stata del 34% con NIVO3 + IPI1 rispetto al 48% con NIVO1 + IPI3 ( P=0.006 ).

Nelle analisi descrittive, il tasso di risposta obiettiva è stato del 45.6% nel gruppo NIVO3 + IPI1 e del 50.6% nel gruppo NIVO1 + IPI3, con risposte complete rispettivamente nel 15.0% e nel 13.5% dei pazienti.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 9.9 mesi nel gruppo NIVO3 + IPI1 e di 8.9 mesi nel gruppo NIVO1 + IPI3.

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in nessuno dei due gruppi.

Lo studio CheckMate 511 ha raggiunto il suo endpoint primario, dimostrando una incidenza significativamente inferiore di eventi avversi di grado 3-5 correlati al trattamento con NIVO3 + IPI1 rispetto a NIVO1 + IPI3.
Le analisi descrittive hanno mostrato che non vi erano differenze significative tra i gruppi per qualsiasi endpoint di efficacia, sebbene un follow-up più lungo possa aiutare a caratterizzare meglio gli esiti di efficacia. ( Xagena2019 )

Lebbé C et al, J Clin Oncol 2019; 37: 867-875

Dermo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro