Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Sicurezza ed efficacia dell'inibizione del checkpoint nei pazienti con melanoma e malattia autoimmune preesistente


Poiché l'inibizione del checkpoint immunitario ( ICI ) può causare eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) che imitano malattie immunologiche, i pazienti con malattia autoimmune ( AID ) preesistente sono stati esclusi dagli studi clinici.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia degli inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con melanoma avanzato con e senza malattia autoimmune in uno studio di coorte nazionale nei Paesi Bassi.

In tutto 4.367 pazienti con melanoma avanzato arruolati nel Registro olandese del trattamento del melanoma ( DMTR ) tra il 2013 e il 2018 sono stati seguiti fino al 2019.

Sono state misurate le caratteristiche del paziente, cliniche e di trattamento; reazioni avverse immuno-correlate di grado 3 o superiore; risposta al trattamento; e sopravvivenza.

In totale 415 pazienti ( 9.5% ) presentavano malattia autoimmune, classificata come malattia autoimmune reumatologica ( n=227 ), malattia autoimmune endocrina ( n=143 ), malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) ( n=55 ) o altro ( n=8 ).
Di questi, 228 pazienti ( 55% ) sono stati trattati con inibitori del checkpoint immunitario ( vs 2.546, 58%, senza malattia autoimmune ); 87 sono stati trattati con anti-CTLA-4, 187 con inibitori PD-1 e 34 con la combinazione.

L'incidenza di reazioni avverse immuno-correlate di grado 3 o superiore nei pazienti con malattia autoimmune è stata del 30% con anti-CTLA-4, 17% con anti-PD-1 e 44% con la terapia di combinazione; per i pazienti senza malattia autoimmune, l'incidenza è stata del 30% ( n=916 ), 13% ( n=1.540 ) e 48% ( n=388 ), rispettivamente.

I pazienti con malattia autoimmune hanno interrotto più spesso il trattamento anti-PD-1 a causa della tossicità rispetto ai pazienti senza malattia autoimmune ( 17% vs 9% ).
I pazienti con malattia infiammatoria intestinale erano più inclini alla colite indotta da anti-PD-1 ( 6/31=19% ) rispetto ai pazienti con altre malattie autoimmuni ( 3% ) e pazienti senza malattie autoimmuni ( 2% ).

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato simile nei pazienti con rispetto a quelli senza malattia autoimmune che sono stati trattati con anti-CTLA-4 ( 10% vs 16% ), anti-PD-1 ( 40% vs 44% ), o combinazione ( 39% vs 43% ).

La sopravvivenza non è variata tra i pazienti con e quelli senza malattia autoimmune ( mediana, 13 mesi vs 14 mesi ).
Le informazioni sulla gravità della malattia autoimmune e sul trattamento immunosoppressivo sono state limitate.

La risposta agli inibitori del checkpoint immunitario con anti-CTLA-4, anti-PD-1 o la loro combinazione per il melanoma avanzato e l'incidenza complessiva di qualsiasi effetto indesiderato immuno-correlato di grado 3 o superiore sono state simili nei pazienti con e senza preesistente malattia autoimmune.
Tuttavia, colite grave e tossicità che hanno richiesto l'interruzione anticipata del trattamento si sono verificate più frequentemente tra i pazienti con malattia infiammatoria intestinale preesistente, garantendo un follow-up ravvicinato. ( Xagena2021 )

van der Kooij MK et al, Ann Intern Med 2021; 174: 641-648

Dermo2021 Onco2021 Gastro2021 Farma2021


Indietro