Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Roche Oncologia

Pembrolizumab versus Ipilimumab nel melanoma avanzato: studio KEYNOTE-006


Pembrolizumab ( Keytruda ) ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto a Ipilimumab ( Yervoy ) nei pazienti con melanoma avanzato, ed è ora uno standard di cura in prima linea.
Tuttavia, la durata ottimale della somministrazione della terapia anti-PD-1 non è nota.

Sono stati presentati i risultati di 5 anni di follow-up dei pazienti in KEYNOTE-006.

KEYNOTE-006 era uno studio di fase 3 in aperto, multicentrico, randomizzato, controllato, condotto presso 87 istituti accademici, ospedali e centri oncologici in 16 Paesi.
Pazienti di età pari o superiore a 18 anni con ECOG performance status pari a 0 o 1, melanoma avanzato istologicamente confermato, naive-a-Ipilimumab, con stato BRAF V600 noto e fino a una precedente terapia sistemica, sono stati assegnati in modo casuale a Pembrolizumab per via endovenosa 10 mg/kg ogni 2 settimane o ogni 3 settimane oppure a 4 dosi di Ipilimumab per via endovenosa 3 mg/kg ogni 3 settimane.

Il trattamento con Pembrolizumab è continuato fino a 24 mesi.
I pazienti eleggibili che hanno interrotto il Pembrolizumab con malattia stabile o migliore dopo aver ricevuto almeno 24 mesi di Pembrolizumab o hanno interrotto con risposta completa dopo almeno 6 mesi di Pembrolizumab e poi sono progrediti potevano ricevere ulteriori 17 cicli di Pembrolizumab.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione.
L'efficacia è stata analizzata in tutti i pazienti assegnati in modo casuale e la sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.
La valutazione esplorativa di efficacia e sicurezza al follow-up a 5 anni non era specificata nel protocollo.

Tra il 2013 e il 2014, 834 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab ( ogni 2 settimane, n=279; ogni 3 settimane, n=277 ) oppure Ipilimumab ( n=278 ).

Dopo un follow-up mediano di 57.7 mesi nei pazienti sopravvissuti, la sopravvivenza globale mediana è stata di 32.7 mesi nei gruppi combinati di Pembrolizumab e 15.9 mesi nel gruppo Ipilimumab ( hazard ratio, HR 0.73, P=0.00049 ).

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 8.4 mesi nei gruppi combinati di Pembrolizumab rispetto a 3.4 mesi nel gruppo Ipilimumab ( HR 0.57, P minore di 0.0001 ).
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati in 96 su 555 pazienti ( 17% ) nei gruppi combinati di Pembrolizumab e in 50 su 256 pazienti (20%) nel gruppo Ipilimumab; i più comuni di questi eventi sono stati colite ( 11, 2%, vs 16, 6% ), diarrea ( 10, 2%, vs 7, 3% ) e affaticamento ( 4, inferiore a 1%, vs 3, 1% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento di qualsiasi grado si sono verificati in 75 pazienti ( 14% ) nei gruppi Pembrolizumab combinati e in 45 pazienti ( 18% ) nel gruppo Ipilimumab.

Un paziente assegnato a Pembrolizumab è deceduto per sepsi correlata al trattamento.

Pembrolizumab ha continuato a mostrare superiorità rispetto a Ipilimumab dopo quasi 5 anni di follow-up.
Questi risultati forniscono ulteriore supporto all'uso di Pembrolizumab nei pazienti con melanoma avanzato. ( Xagena2019 )

Robert C et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1239-1251

Onco2019 Dermo2019 Farma2019


Indietro