Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis
Roche Oncologia

Nivolumab adiuvante versus Ipilimumab nel melanoma resecato in stadio IIIB-C e IV: aggiornamento dello studio CheckMate 238


In precedenza, i risultati di CheckMate 238, uno studio di fase 3 in ambiente adiuvante, in doppio cieco, in pazienti con melanoma in stadio IIIB-C o stadio IV resecato, hanno mostrato miglioramenti significativi nella sopravvivenza libera da recidive e nella sopravvivenza libera da metastasi a distanza con Nivolumab ( Opdivo ) rispetto a Ipilimumab ( Yervoy ).

Sono stati forniti risultati aggiornati di efficacia a 4 anni, sopravvivenza globale iniziale e risultati di sicurezza emergenti tardivamente.

Questo studio di fase 3 multicentrico, in doppio cieco, randomizzato e controllato è stato condotto in 130 Centri accademici, Ospedali di comunità e Centri oncologici in 25 Paesi.
I pazienti di età pari o superiore a 15 anni con melanoma in stadio IIIB-C o IV resecato e un ECOG performance status di 0 o 1 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Nivolumab o Ipilimumab stratificando in base a stadio della malattia e stato PD-L1 delle cellule tumorali al basale.

I pazienti hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane o Ipilimumab 10 mg/kg per via endovenosa ogni 3 settimane per 4 dosi e poi ogni 12 settimane fino a 1 anno di trattamento, recidiva della malattia, tossicità inaccettabile o revoca del consenso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da recidive ( RFS ) in base alla valutazione dello sperimentatore; la sopravvivenza globale ( OS ) era un endpoint secondario chiave.
Le analisi di efficacia sono state condotte nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), cioè tutti i pazienti assegnati in modo casuale.
Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza.

I risultati presentati in questo rapporto riflettono l'aggiornamento a 4 anni dello studio in corso con una data di blocco del database nel gennaio 2020.

Tra marzo e novembre 2015, 906 pazienti sono stati assegnati a Nivolumab ( n=453 ) o Ipilimumab ( n=453 ).

Il follow-up mediano è stato di 51.1 mesi con Nivolumab e di 50.9 mesi con Ipilimumab; la sopravvivenza libera da recidiva a 4 anni è stata del 51.7% nel gruppo Nivolumab e del 41.2% nel gruppo Ipilimumab ( hazard ratio, HR=0.11; P=0.0003 ).

Con 211 ( 100 su 453 pazienti nel gruppo Nivolumab [ 22% ], e 111 su 453 pazienti nel gruppo Ipilimumab [ 25% ] ) su 302 decessi anticipati osservati ( circa il 73% della potenza inizialmente pianificata dell'88% necessaria per la significatività ), la sopravvivenza globale a 4 anni è stata del 77.9% con Nivolumab e del 76.6% con Ipilimumab ( HR=0.87; P=0.31 ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 tardivi sono stati segnalati in 3 su 452 ( 1% ) e 7 su 453 pazienti ( 2% ).
I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento tardivi segnalati sono stati diarrea, chetoacidosi diabetica e polmonite ( 1 paziente ciascuno ) nel gruppo Nivolumab e colite ( 2 pazienti ) nel gruppo Ipilimumab.

Sono stati attribuiti alla tossicità del farmaco in studio 2 decessi correlati al trattamento precedentemente riportati nel gruppo Ipilimumab ( aplasia midollare in 1 paziente e colite in 1 paziente ); non sono stati segnalati ulteriori decessi correlati al trattamento.

A un follow-up minimo di 4 anni, Nivolumab ha dimostrato un beneficio sostenuto in termini di sopravvivenza libera da recidive rispetto a Ipilimumab nel melanoma resecato in stadio IIIB-C o IV, indicando un beneficio del trattamento a lungo termine con Nivolumab.
Con meno morti del previsto, la sopravvivenza globale è stata simile in entrambi i gruppi.
Nivolumab rimane un efficace trattamento adiuvante per i pazienti con melanoma resecato ad alto rischio, con un profilo di sicurezza più tollerabile di quello di Ipilimumab. ( Xagena2020 )

Ascierto PA et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1465-1477

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro