Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Microbioma intestinale in pazienti con melanoma in stadio iniziale e avanzato


Il microbioma intestinale modula il sistema immunitario e le risposte all'immunoterapia nei pazienti con melanoma in stadio avanzato.

Non è noto se i profili del microbiota fecale differiscano tra individui sani e pazienti con melanoma o se i profili del microbiota differiscano tra pazienti con diversi stadi di melanoma.

La definizione dei profili del microbiota intestinale negli individui senza melanoma e in quelli con melanoma in stadio iniziale e avanzato può rivelare caratteristiche associate alla progressione della malattia.

Sono stati caratterizzati e confrontati i profili del microbiota intestinale tra volontari sani e pazienti con melanoma e tra pazienti con melanoma in stadio iniziale e avanzato.

Questo studio caso-controllo in un unico sito ha avuto luogo presso un Centro oncologico accademico.
Sono stati raccolti campioni fecali da pazienti naive al trattamento sistemico con melanoma in stadio da I a IV nel periodo 2015-2019 e da volontari sani nel periodo 2021-2022. I pazienti sono stati seguiti per la recidiva della malattia fino a novembre 2021.

Il microbiota fecale è stato profilato mediante sequenziamento dell'RNA ribosomiale 16S. Le caratteristiche cliniche e patologiche, il trattamento e la recidiva della malattia sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche.
La diversità del microbioma fecale, i profili tassonomici e i profili funzionali dedotti sono stati confrontati tra i gruppi.

Sono stati arruolati in totale 228 partecipanti ( 126 uomini, 55.3%; età mediana, 59 anni ), inclusi 49 volontari senza melanoma, 38 pazienti con melanoma in stadio iniziale ( 29 con melanoma in stadio I o melanoma in situ e 9 allo stadio II ) e 141 con melanoma in stadio avanzato ( 66 allo stadio III e 75 allo stadio IV ). Sono state osservate differenze comunitarie tra i pazienti con melanoma e volontari.

I pazienti con melanoma avevano un'abbondanza relativa maggiore di Fusobacterium rispetto ai controlli all'analisi univariata ( 0.19% vs 0.003%; P minore di 0.001 ), ma questa associazione era attenuata quando aggiustata per le covariate ( variazione log2 volte di 5.18 rispetto ai controlli; P=0.09 ).

I microbiomi erano distinti tra i pazienti con melanoma in stadio iniziale e in stadio avanzato. Il melanoma in stadio iniziale presentava una diversità alfa più elevata ( Inverse Simpson Index 14.6 vs 10.8; P=0.003 ) e una maggiore abbondanza del genere Roseburia all'analisi univariata ( 2.4% vs 1.2%; P minore di 0.001 ) sebbene la significatività statistica sia stata persa con l'aggiustamento della covariata ( variazione log2 volte di 0.86 rispetto ai controlli; P=0.13 ).
Percorsi funzionali multipli sono stati arricchiti in modo differenziale tra i gruppi.

Non sono state osservate associazioni tra i taxa microbici e la recidiva della malattia nei pazienti con melanoma in stadio III trattati con immunoterapia adiuvante.

I risultati di questo studio caso-controllo hanno indicato che i profili del microbiota fecale erano significativamente diversi tra i pazienti con melanoma e i controlli e tra i pazienti con melanoma in stadio iniziale e avanzato.

Indagini prospettiche sul microbioma intestinale e sui cambiamenti che si verificano con la progressione della malattia potrebbero identificare futuri bersagli microbici su cui intervenire. ( Xagena2023 )

Witt RG et al, JAMA Dermatol 2023; 159: 1076-1084

Dermo2023 Onco2023 Gastro2023



Indietro