Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Ipilimumab da solo o Ipilimumab più terapia anti-PD-1 nei pazienti con melanoma metastatico resistente alla monoterapia anti-PD-(L)1


La terapia anti-PD-1 induce il controllo della malattia a lungo termine in circa il 30% dei pazienti con melanoma metastatico; tuttavia, due terzi dei pazienti sono resistenti e richiederanno un ulteriore trattamento.

Sono state determinate l'efficacia e la sicurezza di Ipilimumab ( Yervoy ) più anti-PD-1 ( Pembrolizumab [ Keytruda ] o Nivolumab è Opdivo ] ) rispetto a Ipilimumab in monoterapia nei pazienti resistenti alla terapia anti-PD-(L)1.

È stato condotto uno studio di coorte multicentrico, retrospettivo, in 15 centri per il melanoma in Australia, Europa e Stati Uniti.
Sono stati inclusi pazienti adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con melanoma metastatico ( stadio III e IV non-resecabile ), resistenti all'anti-PD-(L)1 ( resistenza innata o acquisita ) e che hanno poi ricevuto Ipilimumab in monoterapia o Ipilimumab più anti-PD-1 ( Pembrolizumab o Nivolumab ), in base alla disponibilità di terapie o fattori clinici determinati dal medico, o entrambi.

La risposta del tumore è stata valutata secondo lo standard di cura ( CT [ tomografia computerizzata ] o PET-CT ogni 3 mesi ).

Gli endpoint dello studio erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza di Ipilimumab rispetto a Ipilimumab più anti-PD-1.

Sono stati inclusi 355 pazienti con melanoma metastatico, resistente all'anti-PD-(L)1 ( Nivolumab, Pembrolizumab o Atezolizumab ), che erano stati trattati con Ipilimumab in monoterapia ( n=162, 46% ) o Ipilimumab più anti-PD-1 ( n=193, 54% ) tra il 2011 e 2020.

A un follow-up mediano di 22.1 mesi, il tasso di risposta obiettiva è stato più alto con Ipilimumab più anti-PD-1 ( 60 su 193 pazienti, 31% ) rispetto a Ipilimumab in monoterapia ( 21 su 162 pazienti, 13%; P minore di 0.0001 ).

La sopravvivenza globale è stata più lunga nel gruppo Ipilimumab più anti-PD-1 ( sopravvivenza globale mediana 20.4 mesi ) rispetto a Ipilimumab in monoterapia ( 8.8 mesi; hazard ratio, HR 0.50; P minore di 0.0001 ).

Anche la sopravvivenza libera da progressione è stata più lunga con Ipilimumab più anti-PD-1 ( mediana 3.0 mesi ) rispetto a Ipilimumab ( 2.6 mesi; HR 0.69; P=0.0019 ).

Proporzioni simili di pazienti hanno riportato eventi avversi di grado 3-5 in entrambi i gruppi ( 59 su 193 pazienti, 31%, nel gruppo Ipilimumab più anti-PD-1 vs 54 su 162 pazienti, 33%, nel gruppo Ipilimumab ).

Gli eventi avversi di grado 3-5 più comuni sono stati diarrea o colite ( 23 su 193 pazienti, 12%, nel gruppo Ipilimumab più anti-PD-1 vs 33 su 162 pazienti, 20%, nel gruppo Ipilimumab ) e aumento dell'alanina aminotransferasi [ ALT ] o aspartato aminotransferasi [ AST ] ( 24, 12%, vs 15, 9% ).
Un decesso si è verificato con Ipilimumab 26 giorni dopo l'ultimo trattamento: una perforazione del colon dovuta a pancolite immuno-correlata.

Nei pazienti resistenti all'anti-PD-(L)1, Ipilimumab più anti-PD-1 è sembrato produrre una maggiore efficacia, rispetto a Ipilimumab, con un tasso di risposta obiettiva più elevato, una sopravvivenza libera da progressione più lunga e una sopravvivenza globale più lunga, con un tasso simile di tossicità di grado 3-5.
Ipilimumab più anti-PD-1 dovrebbe essere favorito rispetto a Ipilimumab da solo come immunoterapia di seconda linea per questi pazienti con melanoma avanzato. ( Xagena2021 )

Pires da Silva I et al, Lancet Oncology 2021; 22: 836-847

Dermo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro