Oncologia Morabito
OncoHub
Roche Oncologia
Novartis

Ipilimumab adiuvante rispetto all'Interferone alfa-2b ad alte dosi per melanoma resecato ad alto rischio: North American Intergroup E1609


Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) sia nella sopravvivenza globale ( OS ) per l'Interferone alfa ad alta dose ( HD ) e Ipilimumab ( Yervoy ) a 10 mg/kg.

Lo studio di fase III E1609 ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Ipilimumab a 3 mg/kg e Ipilimumab 10 rispetto a Interferone HD su pazienti con melanoma cutaneo resecato ( American Joint Committee on Cancer [ AJCC ] VII Edition, stadio IIIB, IIIC, M1a o M1b ).

I due endpoint coprimari erano: sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da recidiva.

Tra il 2011 e il 2014, 1.670 pazienti adulti sono stati assegnati in modo casuale a Ipilimumab 3 ( n=523 ), Interferone HD ( n=636 ) o Ipilimumab 10 ( n=511 ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore si sono verificati nel 37% dei pazienti trattati con Ipilimumab 3, nel 79% di quelli trattati con Interferone HD e nel 58% di quelli trattati con Ipilimumab 10, con eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento rispettivamente nel 35%, 20% e 54%.

Il confronto tra Ipilimumab 3 e Interferone HD ha utilizzato una analisi intent-to-treat di casi di pazienti assegnati in modo casuale contemporaneamente ( n=1.051 ) e ha mostrato una significativa differenza di sopravvivenza globale a favore di Ipilimumab 3 ( hazard ratio, HR=0.78; P=0.044; RFS: HR, 0.85; P=0.065 ).

Nella seconda fase, per Ipilimumab 10 rispetto a Interferone HD ( n=989 ), le tendenze a favore di Ipilimumab 10 non hanno raggiunto un significato statistico.

I modelli di salvataggio dopo la recidiva del melanoma hanno mostrato tassi significativamente più alti di uso di Ipilimumab e Ipilimumab / anti-PD-1 nel braccio Interferone HD rispetto a Ipilimumab 3 e Ipilimumab 10 ( P minore o uguale a 0.001 ).

La terapia adiuvante con Ipilimumab 3 ha favorito la sopravvivenza rispetto a Interferone HD.
Per la prima volta nella terapia del melanoma nel setting adiuvante, E1609 ha dimostrato un significativo miglioramento della sopravvivenza globale rispetto a un regime di controllo attivo.
La dose di Ipilimumab adiuvante attualmente approvata ( Ipilimumab 10 ) era più tossica e non-superiore in termini di efficacia a Interferone HD. ( Xagena2020 )

Tarhini AA et al, J Clin Oncol 2020; 38: 567-575

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro