Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
Tumore polmone

Fattori di rischio per la disseminazione linfatica ed ematogena nei pazienti con melanoma cutaneo in stadio da I a II


Le vie linfatiche ed ematogene sono state proposte per la progressione della malattia nel melanoma cutaneo, ma finora l'associazione con la recidiva non è stata studiata separatamente.

Sono stati identificati i fattori di rischio associati alla metastasi linfatica ed ematogena in uno studio di coorte retrospettivo che ha coinvolto 1177 pazienti con melanoma maligno nelle fasi da I a II trattati presso l'Instituto Valenciano de Oncología, València, Spagna.
I dati sono stati recuperati dal database del melanoma peri il periodo 2000-2015.

L’esito principale era la sopravvivenza libera da metastasi linfatiche ed ematogene.

Per i 1.177 pazienti inclusi nell'analisi ( 51.1% donne; età media alla diagnosi, 55 anni ), il follow-up mediano è stato di 75 mesi; 108 ( 9.2% ) hanno sviluppato metastasi linfatiche e 108 ( 9.2% ) hanno sviluppato metastasi ematogene.

Nell'analisi multivariata, età superiore a 55 anni ( hazard ratio, HR, 1.9 ), tumore di testa-collo ( HR, 1.7 ) e localizzazione acrale ( HR, 2.4 ), maggiore spessore di Breslow ( HR per più di 4.00 mm, 5.4 ) e presenza di invasione vascolare ( HR, 3.2 ) erano associate alla diffusione linfatica.

La metastasi ematogena è stata associata a maggiore spessore di Breslow ( HR per più di 4.00 mm, 10.4 ), assenza di regressione ( HR, 0.1 ), mutazioni del promotore TERT ( HR, 2.9 ) e mutazioni BRAF ( HR, 1.9 ).

I fattori di rischio associati alle metastasi linfatiche ed ematogene differiscono. Potrebbe quindi essere necessario adattare il follow-up e le strategie di trattamento adiuvante alle caratteristiche cliniche, istopatologiche e molecolari individuali. ( Xagena2019 )

Calomarde-Rees L et al, JAMA Dermatol 2019; 155: 679-687

Dermo2019 Onco2019



Indietro