Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Binimetinib per pazienti con melanoma avanzato con mutazioni in NRAS o con la mutazione Val600 in BRAF


Pazienti con melanoma con mutazioni Val600 in BRAF beneficiano del trattamento con inibitori di BRAF.
Tuttavia, non esistono trattamento mirato per pazienti con tumori BRAF wild-type, inclusi quelli con mutazioni in NRAS.

È stato condotto uno studio per valutare l’uso di Binimetinib ( Metkovi ), un inibitore di MEK1/2, in pazienti con melanoma in stadio avanzato con mutazioni in NRAS o con mutazione Val600 in BRAF.

Nello studio in aperto, non-randomizzato e di fase 2, pazienti con melanoma in stadio avanzato con mutazioni in NRAS o in BRAF sono stati assegnati a 1 di 3 bracci di trattamento: sulla base dello status di mutazione.

I pazienti sono stati arruolati in ospedali universitari o centri oncologici in Europa e U.S.A.

I 3 bracci erano: Binimetinib 45 mg 2 volte al giorno per melanoma con mutazioni in NRAS, Binimetinib 45 mg 2 volte al giorno per melanoma con mutazioni in BRAF, e Binimetinib 60 mg 2 volte al giorno per melanoma con mutazioni in BRAF.

Un precedente trattamento con inibitori di BRAF era consentito, mentre non lo era una precedente terapia con inibitori di MEK.

L’endpoint primario era la proporzione di pazienti con una risposta oggettiva ( risposta completa o risposta parziale confermata ).

Sono di seguito riportati i dati per i gruppi trattati con 45 mg.

È stata valutata l’attività clinica in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Binimetinib e nei pazienti valutabili per la risposta ( con due scansioni CT disponibili ).

Nello studio è attualmente aperta la fase di reclutamento di ulteriori pazienti con mutazioni in NRAS ( in base a una modifica del protocollo ).

Nel periodo 2011-2012, sono stati arruolati 71 pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Binimetinib 45 mg.

A febbraio 2012, il follow-up mediano era di 3.3 mesi ( intervallo 0.6-8.7; intervallo interquartile IQR 2.2-5.0 ).

Nessun paziente ha mostrato risposta completa.

Sei ( 20% ) dei 30 pazienti con melanoma con mutazioni in NRAS ha mostrato risposta parziale ( 3 confermate ) così come 8 ( 20% ) dei 41 pazienti con melanoma con mutazioni in BRAF ( 2 confermate ).

I più frequenti eventi avversi erano dermatite acneiforme ( 18 [ 60% ] pazienti con mutazioni in NRAS e 15 [ 37% ] pazienti con mutazioni in BRAF ), rash ( 6 [ 20% ] e 16 [ 39% ] ), edema periferico ( 10 [ 33% ] e 14 [ 34% ] ), edema facciale ( 9 [ 30% ] e 7 [ 17% ] ), diarrea ( 8 [ 27% ] e 15 [ 37% ] ) e aumenti nella creatina fosfochinasi ( 11 [ 37% ] e 9 [ 22% ] ).

L’aumento nella creatina fosfochinasi è stato il più comune evento averso di grado 3-4 ( 7 [ 23% ] e 7 [ 17% ] ).

Quattro pazienti sono andati incontro a eventi avversi gravi ( 2 per braccio ), che includevano diarrea, deidratazione, dermatite acneiforme, deterioramento fisico generale, frequenza cardiaca irregolare, malessere e perforazione dell’intestino tenue.

Non si sono verificati decessi per cause legate al trattamento.

In conclusione, Binimetinib è la prima terapia mirata che ha mostrato attività nei pazienti con melanoma con mutazioni in NRAS, e potrebbe rappresentare una nuova opzione di trattamento per un tumore per il quale sono disponibili pochi trattamenti efficaci. ( Xagena2013 )

Ascierto PA et al, Lancet Oncol 2013; 14: 249-256

Onco2013 Dermo2013 Farma2013


Indietro