Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Beneficio di sopravvivenza globale con Tebentafusp nel melanoma uveale metastatico


Il melanoma uveale è una malattia distinta dal melanoma cutaneo, con un basso carico mutazionale del tumore e una sopravvivenza globale a 1 anno di circa il 50% nei pazienti con melanoma uveale metastatico.
Mancano dati che mostrino un comprovato beneficio di sopravvivenza globale con un trattamento sistemico.

Tebentafusp è una proteina bispecifica costituita da un recettore delle cellule T affinità-potenziata, fuso con un effettore anti-CD3 che può reindirizzare le cellule T verso le cellule bersaglio glicoproteine 100 [ gp100 ]-positive.

In uno studio di fase 3 in aperto, sono stati assegnati in modo casuale pazienti HLA-A*02:01-positivi, precedentemente non-trattati, con melanoma uveale metastatico a ricevere Tebentafusp ( gruppo Tebentafusp ) oppure la terapia scelta dallo sperimentatore con agente singolo Pembrolizumab, Ipilimumab o Dacarbazina ( gruppo controllo ), stratificati in base al livello di lattato deidrogenasi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ).

In totale 378 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Tebentafusp ( 252 pazienti ) o al gruppo controllo ( 126 pazienti ).

La sopravvivenza globale a 1 anno è stata del 73% nel gruppo Tebentafusp e del 59% nel gruppo controllo ( hazard ratio per la morte, HR=0.51; P minore di 0.001 ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Anche la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è risultata significativamente più alta nel gruppo Tebentafusp rispetto al gruppo controllo ( 31% vs 19% a 6 mesi; hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.73; P=0.01 ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni nel gruppo Tebentafusp sono stati eventi mediati da citochine, dovuti all'attivazione delle cellule T, ed eventi correlati alla pelle, dovuti a melanociti positivi alla glicoproteina 100, inclusi rash ( 83% ), piressia ( 76% ), e prurito ( 69% ).

Questi eventi avversi sono diminuiti in incidenza e gravità dopo le prime tre o quattro dosi e raramente hanno portato all'interruzione del trattamento sperimentale ( 2% ).

Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento.

Il trattamento con Tebentafusp ha determinato una sopravvivenza globale più lunga rispetto alla terapia di controllo tra i pazienti precedentemente non-trattati con melanoma uveale metastatico. ( Xagena2021 )

Nathan P et al, N Engl J Med 2021; 385: 1196-1206

Onco2021 Oftalm2021 Farma2021


Indietro