Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Atezolizumab, Vemurafenib e Cobimetinib come trattamento di prima linea per melanoma positivo alla mutazione BRAF V600 avanzato non-resecabile: studio IMspire150


Lo studio IMspire150 ha valutato il trattamento di combinazione di prima linea con inibitori BRAF più MEK e terapia del checkpoint immunitario nel melanoma avanzato o metastatico positivo alla mutazione BRAF V600.

IMspire150 era uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto presso 112 istituti in 20 Paesi.

Pazienti con melanoma in stadio IIIc–IV, non resecabile, positivo alla mutazione BRAF V600 sono stati assegnati in modo casuale a cicli di 28 giorni di Atezolizumab ( Tecentriq ), Vemurafenib ( Zelboraf ) e Cobimetinib ( Cotellic ) [ gruppo Atezolizumab ] oppure placebo, Vemurafenib e Cobimetinib [ gruppo controllo ].
La randomizzazione è stata stratificata in base alla concentrazione di lattato deidrogenasi e alla regione geografica.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2017 e il 2018, 777 pazienti sono stati sottoposti a screening e 514 sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al gruppo Atezolizumab ( n=256 ) o al gruppo controllo ( n=258 ).

A un follow-up mediano di 18.9 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è risultata significativamente prolungata con Atezolizumab rispetto al controllo ( 15.1 vs 10.6 mesi; hazard ratio, HR=0.78; P=0.025 ).

Eventi avversi comuni correlati al trattamento ( superiori al 30% ) nel gruppo Atezolizumab e controllo sono stati aumento della creatinina fosfochinasi ematica ( 51.3% vs 44.8% ), diarrea ( 42.2% vs 46.6% ), rash ( 40.9% in entrambi i gruppi ), artralgia ( 39.1% vs 28.1% ), piressia ( 38.7% vs 26.0% ), aumento dell'alanina aminotransferasi ( 33.9% vs 22.8% ) e aumento della lipasi ( 32.2% vs 27.4% ); il 13% dei pazienti nel gruppo Atezolizumab e il 16% nel gruppo controllo ha interrotto tutto il trattamento a causa di eventi avversi.

L'aggiunta di Atezolizumab alla terapia mirata con Vemurafenib e Cobimetinib è risultata sicura e tollerabile e ha aumentato significativamente la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con melanoma avanzato positivo alla mutazione BRAF V600. ( Xagena2020 )

Gutzmer R et al, Lancet 2020; 395: 1835-1844

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro