Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
ForumOncologico

Associazione tra indice di massa corporea ed esiti nei pazienti con melanoma metastatico trattati con terapia mirata, immunoterapia o chemioterapia


L'obesità è stata collegata a un aumento della mortalità in diversi tipi di cancro; tuttavia, la relazione tra obesità e sopravvivenza nel melanoma metastatico non è nota.
È stata esaminata l'associazione tra indice di massa corporea ( BMI ) e sopravvivenza libera da progressione o sopravvivenza globale nei pazienti con melanoma metastatico che hanno ricevuto terapia mirata, immunoterapia o chemioterapia.

Uno studio retrospettivo ha analizzato coorti indipendenti di pazienti con melanoma metastatico assegnati a trattamento con terapia mirata, immunoterapia o chemioterapia in studi clinici randomizzati e uno studio retrospettivo su pazienti trattati con immunoterapia.
I pazienti sono stati classificati secondo l'indice BMI, seguendo le definizioni WHO, come sottopeso, normali, sovrappeso o obesi. I pazienti senza valori diindice BMI e i pazienti sottopeso sono stati esclusi.

Gli esiti primari erano le associazioni tra indice BMI e sopravvivenza libera da progressione o sopravvivenza globale, stratificata per tipo di trattamento e sesso.

Le 6 coorti consistevano in totale di 2.046 pazienti con melanoma metastatico trattati con terapia mirata, immunoterapia o chemioterapia tra il 2006 e il 2016.
1.918 pazienti sono stati inclusi nell'analisi.

Due coorti contenenti pazienti da studi randomizzati controllati trattati con terapia mirata ( Dabrafenib più Trametinib, n=599, e Vemurafenib più Cobimetinib, n=240 ), due coorti contenenti pazienti trattati con immunoterapia ( uno studio randomizzato controllato di Ipilimumab più Dacarbazina, n=207, e una coorte retrospettiva trattata con Pembrolizumab, Nivolumab o Atezolizumab, n=331 ) e due coorti contenenti pazienti trattati con chemioterapia ( due studi randomizzati controllati di Dacarbazina, n=320 e n=221 ) sono state classificate secondo l'indice BMI con pazienti normali ( 694 pazienti, 36% ), sovrappeso ( 711, 37% ), o obesi ( 513, 27% ).

Nell'analisi raggruppata, l'obesità, rispetto all'indice BMI normale, è stata associata a una migliore sopravvivenza nei pazienti con melanoma metastatico ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.77 per la sopravvivenza libera da progressione e 0.74 per la sopravvivenza globale ).

Il beneficio di sopravvivenza associato all'obesità è stato limitato ai pazienti trattati con terapia mirata ( HR=0.72 per la sopravvivenza libera da progressione e 0.60 per la sopravvivenza globale ) e immunoterapia ( HR=0.75 e 0.64 ).

Nessuna associazione è stata osservata con la chemioterapia ( HR=0.87; P per interazione=0.61 per la sopravvivenza libera da progressione e 1.03; P per interazione=0.01 per la sopravvivenza globale ).

L'associazione dell'indice BMI con la sopravvivenza globale per i pazienti trattati con terapie mirate e immunoterapie differiva per il sesso, con associazioni inverse negli uomini ( HR=0.53 ), ma nessuna associazione è stata osservata nelle donne ( HR=0.85; P per interazione=0.03 ).

I risultati hanno indicato che nei pazienti con melanoma metastatico, l'obesità è associata a una migliore sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale rispetto a quelle di pazienti con indice BMI normale, e questa associazione si riscontra principalmente nei pazienti maschi trattati con terapia mirata o immunoterapia.
Questi risultati hanno implicazioni per la progettazione di futuri studi clinici per pazienti con melanoma metastatico, e l'entità del beneficio trovato supporta ulteriori indagini sul meccanismo alla base di queste associazioni. ( Xagena2018 )

Mc Quade JL et al, Lancet Oncol 2018; 19: 310-322

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro