Oncologia Morabito
Roche Oncologia
OncoHub
Novartis

Associazione tra eventi avversi immuno-correlati e sopravvivenza libera da recidive tra i pazienti con melanoma in stadio III randomizzati per ricevere Pembrolizumab o placebo


Rimane poco chiaro se gli eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) indichino l'attività del farmaco nei pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario.

È stata studiata l'associazione tra eventi irAE e sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) nello studio clinico in doppio cieco EORTC 1325 / KEYNOTE-054 confrontando la terapia con Pembrolizumab ( keytruda ) e quella con placebo per il trattamento dei pazienti con melanoma di stadio III ad alto rischio.

In totale 1.019 adulti con melanoma in stadio III sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il trattamento con Pembrolizumab oppure placebo.
I pazienti idonei erano adulti di età pari o superiore a 18 anni con resezione completa del melanoma cutaneo metastatico ai linfonodi, classificati con cancro in stadio IIIA ( almeno 1 micrometastasi con misura superiore a 1 mm di diametro massimo ), IIIB o IIIC ( senza metastasi in transito ).

I pazienti sono stati randomizzati tra il 2015 e il 2016. Il cutoff clinico per il set di dati è stato nel 2017.
I partecipanti hanno ricevuto 200 mg di Pembrolizumab oppure placebo ogni 3 settimane per un totale di 18 dosi per circa 1 anno o fino alla recidiva della malattia, effetti tossici inaccettabili, grave violazione del protocollo o revoca del consenso.

Su 1.011 pazienti che hanno iniziato il trattamento con Pembrolizumab o con placebo, 622 ( 61.5% ) erano uomini e 389 ( 38.5% ) erano donne; 386 pazienti ( 38.2% ) avevano un'età compresa tra 50 e 64 anni, 377 ( 37.3% ) avevano meno di 50 anni e 248 ( 24.5% ) avevano 65 anni e più.

Coerentemente con l'analisi principale riportata nella popolazione intent-to-treat, la sopravvivenza senza recidive è stata più lunga nel braccio Pembrolizumab rispetto al braccio placebo ( hazard ratio, HR=0.56 ) tra i pazienti che hanno iniziato il trattamento.

L'incidenza di eventi irAE è stata 190 ( 37.4% ) nel braccio Pembrolizumab ( n=509 ) e 45 ( 9.0% ) nel braccio placebo ( n=502 ); in ogni gruppo di trattamento, l'incidenza è stata simile per uomini e donne.
Il verificarsi di un evento irAE è stato associato a una sopravvivenza RFS più lunga nel braccio Pembrolizumab ( HR=0.61; P=0.03 ) sia negli uomini che nelle donne.
Tuttavia, nel braccio placebo, questa associazione non era significativa.

Rispetto al braccio placebo, la riduzione del rischio di recidiva o morte nel braccio Pembrolizumab è stata maggiore dopo l'inizio di un evento avverso immuno-correlato rispetto allo stato senza o prima di un evento irAE ( HR=0.37 versus HR=0.61, rispettivamente; P=0.03 ).

In questo studio, il verificarsi di un eventoimmuno-correlato è risultato associato a una più lunga sopravvivenza senza recidive nel braccio Pembrolizumab. ( Xagena2020 )

Eggermont AMM et al, JAMA Oncol 2020; 6: 519-527

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro