OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Novartis

Associazione dello stato di mutazione di BRAF V600E/K e precedente inibizione di BRAF/MEK con gli esiti di Pembrolizumab nel melanoma avanzato


Il sequenziamento ottimale degli inibitori del checkpoint immunitario e la terapia mirata per il melanoma con mutazione BRAF V600E/K non sono ben definiti.

È stata valutata l'associazione dello stato BRAF wild-type ( WT ) o BRAF V600E/K-mutato e l’inibitore di BRAF ( BRAFi ) con o senza terapia con inibitore MEK ( MEKi ) con risposta a Pembrolizumab ( Keytruda ).

È stata condotta una analisi post hoc di sottogruppi di dati aggregati da 3 studi multinazionali e multisito: KEYNOTE-001 ( cutoff dei dati nel 2017 ), KEYNOTE-002 ( cutoff dei dati nel 2018 ) e KEYNOTE-006 ( cutoff dei dati nel 2017 ).
I pazienti inclusi in questa analisi erano adulti con melanoma avanzato e stato noto BRAF V600E/K del tumore che avevano ricevuto Pembrolizumab.

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab a dosi di 2 mg/kg ogni 3 settimane, 10 mg/kg ogni 2 settimane o 10 mg/kg ogni 3 settimane.

Gli endpoint erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutati con i criteri RECIST versione 1.1, e la sopravvivenza globale ( OS ).

I tassi di risposta obiettiva, la sopravvivenza senza progressione a 4 anni e i tassi di sopravvivenza globale sono stati confrontati nei seguenti sottogruppi di pazienti: melanoma BRAF WT versus BRAF V600E / K-mutato e melanoma BRAF V600E/K-mutante con versus senza precedente trattamento con inibitore di BRAF con o senza inibitore di MEK.

La popolazione complessiva dello studio ( n=1.558 ) ha riguardato 944 uomini ( 60.6% ) e 614 donne ( 39.4% ).
L'età media era di 60.0 anni.

Il tasso di risposta ORR è stato del 38.3% ( 596/1.558 ), il tasso di sopravvivenza senza progressione a 4 anni del 22.0% e il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni del 36.9%.

Per i pazienti con melanoma BRAF WT ( n=1.124 ) e BRAF V600E/K-mutato ( n=434 ), il tasso di risposta ORR è stato del 39.8% ( n=447 ) e del 34.3% ( n=149 ), il tasso di sopravvivenza senza progressione a 4 anni è stato del 22.9% e del 19.8% e il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni è stato rispettivamente del 37.5% e del 35.1%.

Pazienti con melanoma BRAF V600E/K-mutato che avevano ( n=271 ) versus non-avevano ( n=163 ) precedentemente ricevuto inibitore di BRAF con o senza inibitore di MEK avevano caratteristiche basali con prognosi peggiore; il tasso ORR è stato del 28.4% ( n=77 ) e del 44.2% ( n=72 ), il tasso di sopravvivenza senza progressione a 4 anni è stato del 15.2% e del 27.8%, e il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni è stato rispettivamente del 26.9% e del 49.3%.

I risultati di rilevanza dell'analisi di questo sottogruppo hanno supportato l'uso di Pembrolizumab per il trattamento del melanoma avanzato indipendentemente dallo stato di mutazione BRAF V600E/K o dalla precedente assunzione di inibitore di BRAF con o senza terapia a base di inibitore di MEK. ( Xagena2020 )

Puzanov I et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1256-1264

Onco2020 Dermo2020 Farma2020


Indietro