Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore prostata

Pembrolizumab superiore a Ipilimumab nel melanoma avanzato


Un follow-up a lungo termine dello studio KEYNOTE-006 ha mostrato che i pazienti con melanoma avanzato trattati con Pembrolizumab ( Keytruda ) presentano maggiori tassi di sopravvivenza a 2 anni rispetto a quelli trattati con Ipilimumab ( Yervoy ).

Inoltre, i pazienti hanno beneficiato di una maggiore sopravvivenza con Pembrolizumab, con meno eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4, rispetto a Ipilimumab.

L'analisi finale ha mostrato che il trattamento con Pembrolizumab è risultato associato a un raddoppio della percentuale dei pazienti vivi e senza progressione della malattia rispetto a Ipilimumab.

L'analisi comprendeva 834 pazienti provenienti da 87 Centri oncologici a livello mondiale.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1: 1 a ricevere 10 mg/kg di Pembrolizumab ogni 2 settimane ( n=279 ) o ogni 3 settimane ( n=277 ) oppure 3 mg/kg di Ipilimumab ogni 3 settimane per quattro dosi ( n=278 ).

Il trattamento con Pembrolizumab è continuato per 2 anni o fino a progressione della malattia, tossicità intollerabile o alla decisione del paziente o dello sperimentatore di interrompere la terapia.
I pazienti potevano interrompere il trattamento con Pembrolizumab dopo 6 mesi di terapia in presenza di risposta completa e se più scansioni ( criteri RECIST v1.1 ) confermavano la risposta.

L'imaging tumorale è stato effettuato a 12 settimane, poi ogni 6 settimane fino a 48 settimane e successivamente ogni 12 settimane.

La sopravvivenza globale era l'endpoint primario.

Sono stati trattati complessivamente 811 pazienti ( età mediana, 62 anni ).

Il tempo mediano in trattamento era di 28.1 settimane ( range, 0.1-108.1 ) per i pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab ogni 2 settimane; 24 settimane ( range, 0.1-111.1 ) per Pembrolizumab ogni 3 settimane; e 9 settimane ( range, 0.1-13.1 ) per Ipilimumab.

Il follow-up mediano era di 22.9 mesi; tutti i pazienti sono stati seguiti per almeno 21 mesi.

Al cut-off del 3 dicembre 2015, 383 pazienti erano deceduti.

Sono rimasti in trattamento 52 pazienti che stavano ricevendo Pembrolizumab ogni 2 settimane e 38 che hanno ricevuto Pembrolizumab ogni 3 settimane.

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta tra i pazienti trattati con Pembrolizumab ed è stata di 16 mesi per quelli trattati con Ipilimumab.
L'hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza globale era pari a 0.68 ( IC 95%, 0.53-0.87) per Pembrolizumab ogni 2 settimane e 0.68 ( IC 95%, 0.53-0.86 ) ogni 3 settimane.

Il 50% dei pazienti in entrambi i gruppi di Pembrolizumab ha raggiunto una sopravvivenza globale di 2 anni, rispetto al 43% dei pazienti trattati con Ipilimumab.

La sopravvivenza globale mediana era di 5.6 mesi ( range 3.4-8.2 ) nei pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab ogni 2 settimane, 4.1 mesi ( range 2.8-2.98 ) per ogni 3 settimane e 2.8 mesi ( range, 2.8-2.9 ) per Ipilimumab.

I tassi di risposta obiettiva sono stati del 37% ( IC 95%, 31-43 ) tra i pazienti trattati ogni 2 settimane, 36% ( IC 95%, 30-42 ) tra i pazienti ogni 3 settimane e del 13% ( IC 95%, 10-18 ) tra i pazienti trattati con Ipilimumab.
Questo comprendeva tassi di risposta completi del 12% tra i pazienti trattati ogni 2 settimane, 13% ogni 3 settimane e 5% per Ipilimumab.
La risposta parziale si è verificata nel 25% dei pazienti trattati ogni 2 settimane, nel 23% per i pazienti ogni 3 settimane e nell'8% per il Ipilimumab.

Non sono state osservate differenze nei tassi di risposta tra le due schedule di Pembrolizumab.

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 si sono verificati più frequentemente nelle prime 18 settimane nei pazienti trattati con Ipilimumab.
La tossicità compresa tra grado 3 e grado 5 si è verificata nel 17% dei pazienti nel gruppo Pembrolizumab e nel 20% del gruppo Ipilimumab. ( Xagena2017 )

Fonte: The Lancet, 2017

Dermo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro